This is your new blog post. Click here and start typing, or drag in elements from the top bar.
Uscirà l'11 gennaio per CinicoDisincanto il nuovo album firmato The Banditi, ex Jacinto Canek, che arriva dopo cinque tour nei Balcani e dopo che la band ha rappresentato l’Italia alla Biennale dei Giovani Artisti d’Europa. Un disco registrato tra Roma e Colonia e prodotto da Hannes Jaeckl, in cui musica etnica e punk trovano un sorprendente punto d’incontro.

 

The Banditi è la naturale evoluzione del progetto artistico Jacinto Canek, che ha esordito proprio con l'album “Banditi” (CinicoDisincanto) nel 2007. La title track è diventata poi una connotazione della band, una caratteristica così forte da portare il gruppo a pubblicare il secondo album proprio con questo nome.

“Achtung!” uscirà in Italia l’11 gennaio 2011 per CinicoDisincanto, a un mese di distanza dall’uscita in Germania, Austria, Svizzera e Balcani prevista per dicembre.

 

Il nuovo lavoro è un’esplosione di suoni duri e arrabbiati, in cui il rock diventa sincretico e si apre a differenti generi musicali: dal punk all'elettronica, dalle sonorità mediterranee agli arpeggi psichedelici. Nei brani del disco scale orientali incontrano riff metal, percussioni africane invadono le melodie pop, fraseggi reggae sfociano in suggestioni balcaniche e punk, fino ad arrivare a sfiorare la dance di Moroder, riprendendo e sviluppando l'esperienza sonora del precedente album.

 

“Achtung!” è stato registrato tra Roma e Colonia (Germania), e puo vantare la produzione artistica di Hannes Jaeckl (che ha lavorato con John Oliver, Elvis Jackson, Psycho-Path, Exodus, Paradise Lost, Prong, Amon Amarth e molti altri compresa l’ Hungarian Gypsy Music Orchestra). Nel disco sono inoltre presenti ospiti prestigiosi quali Srđan Gino Jevđević, cantante dei Kultur Shock (presente nel brano “Afghandub”) e Tommaso "Piotta" Zanello (nel brano “Globalover”). L’uscita del disco è anticipata dal primo singolo “La maison de l’amour”.

 

SUL WEB: www.thebanditi.com

 


Comments




Leave a Reply