Nonostante la perplessità di molti, la neve e tutto il resto, Peter Doherty cantante e chitarrista inglese (già leader di The Libertines e Babysgambles), arriva a Roncade potrandosi dietro un po’ di Francia.
Con lui infatti ci sono: Soko, cantautrice che apre il concerto, e Wolfman poeta e compagno di “merende” del nostro eroe tutto british. Quando si presenta su palco l’ex Libertines con la chitarra acustica intona "Times for Heroes" e non c’è bisogno di alcuna presentazione: è sempre lui, alticcio e sbraitante. La scaletta è quella che vorresti sentire, c’è spazio per i successi del passato: "Fuck Forever", "What Katie Did", "Can’t Stand Me Now", "Music When The Lights Go Out", e alcuni pezzi dall’ultimo album solista "Grace/Wasteland" del 2009, come "Arcady" e "The Last Of The English Roses".
Tra un brano e un altro Pete si concende una pausa, si accende una sigaretta e si getta su di un divanetto portato appositamente sul palco, ma fa parte dello spettacolo. La sala è accesa dai flash dei cellulari e macchine fotografiche, il pubblico urla: è questo il Pete che vogliono vedere.
Sale sul palco anche Wolfman, che “Les Paradis Artificiels” li ha letti e riletti e si vede, insieme cantano "For Lovers", pezzo che i due hanno scritto in Francia e vincitore del premio Ivor Novello per la composizione.
Il tempo vola e dopo un ora esatta probabilmente cronometrata, il Pete Doherty acustic show chiude i battenti e giuro che tra le facce perplesse ho visto volti in lacrime.

Recensione a cura di Tommaso Padovese.
 


Comments

Very glad to see your blog, thank you share so many interesting things. Hope that in the future can see you day published more interesting! Can see your blog I very happy! Thanks for your sharing, I wish you a happy life!

Reply



Leave a Reply